Form di ricerca

BIOGAS: IL CASO SVEZIA

Pubblicato il 30 Agosto 2017

La Svezia è tra i Paesi in cui l’utilizzo del biogas per i trasporti manifesta un utilizzo diffuso ed avanzato, ormai da anni.

Ne sono testimoni concrete le prime tre città svedesi: a Stoccolma, il biogas prodotto dalle acque di scarico fa circolare il 36% degli autobus. L’acqua di scarico di un milione di cittadini arriva al depuratore di Henriksdal. Qui ricevono il trattamento tradizionale, con le varie fasi di screening, sedimentazione, trattamento biologico e chimico, concludendosi infine con lo scarico di acqua pulita in natura, come avviene anche per i reflui in Italia. Ma la differenza è che i fanghi risultanti dalla filtrazione e decantazione non vengono scartati, ma vengono messi a fermentare, fino a rilasciare il biometano, utilizzato per alimentare gli autobus a biogas cittadini.

Göteborg, con oltre 500.000 persone, è la seconda città più grande della Svezia. Qui, dal 2007, il biogas viene utilizzato per alimentare sino a 6 mila veicoli, oltre a produrre 72GWh di elettricità ogni anno.

Infine Malmö, terza città del Paese con quasi 300mila abitanti: il 50% degli autobus già oggi viaggia con il biogas prodotto dagli scarti alimentari.